Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Valutazione delle Leggi: insediato il tavolo<< Torna indietro

Da oggi un gruppo di consiglieri provinciali si mette al lavoro - con il vicepresidente della Giunta – per controllare l’attuazione delle leggi in vigore e valutare gli effetti concreti delle politiche che perseguono. Nel primo pomeriggio il presidente dell’assemblea legislativa, Bruno Dorigatti, ha insediato infatti il Tavolo di coordinamento previsto dalla l.p. 5/2013: ne faranno parte Alessandro Olivi, quindi Walter Viola e Manuela Bottamedi per le minoranze, Chiara Avanzo e Giampiero Passamani per la maggioranza.

Proprio Viola – che è stato il promotore della innovativa legge sulla valutazione delle leggi, varata nel 2013 – è stato nominato presidente all’unanimità. Dorigatti ha parlato di strumento indispensabile al Consiglio, nell’ottica di valorizzarne al massimo il lavoro, e ha benedetto la presidenza assegnata alle opposizioni, trattandosi di commissione di controllo sull’operato dell’amministrazione provinciale. Dal canto suo Viola ha escluso che il tavolo funzioni come una sorta di tribunale della Giunta: “Sarà invece un ausilio importante, se funzionerà bene, per far funzionare davvero le leggi approvate dall’aula consiliare. Siamo primi in Italia a sperimentare un organo di questo tipo, credo dobbiamo esserne orgogliosi. Ringrazio il presidente Dorigatti per avere sposato la questione e così poi la Giunta stessa e i funzionari esperti”.

Olivi ha garantito la massima collaborazione: “Anche la politica può e deve stare attenta all’aspetto della produttività, credo che l’obiettivo da centrare sia questo”. Il neo formato tavolo dovrà redigere un programma delle concrete attività di valutazione e controllo delle leggi, che dovrà essere approvato entro l’anno d’intesa tra il presidente del Consiglio e il presidente della Giunta. Il materiale di lavoro è abbondante, ad oggi vi sono ben 39 leggi provinciali vigenti – dalla l.p. 34 del 1974 fino alla l.p. 10 del 2013 - che contengono una cosiddetta “clausola valutativa” o comunque un obbligo per l’esecutivo di riferire al legislativo sul funzionamento della normativa.

Inserisci il tuo Commento

Per commentare sarà necessario inserire un indirizzo e-mail valido al quale sarà inviato un link automatico per la conferma del commento.

Non saranno pubblicati commenti non confermati dagli autori.

L’indirizzo e-mail fornito per la conferma non sarà in nessun modo utilizzato per altri scopi o reso pubblico.
* Nome ( o Nickname ):
Il campo nome è obligatorio
  * E-mail:
Il campo email è obligatorio

* Commento:
Il campo commento è obligatorio

Il simbolo * indica che il campo è obbligatorio
  
Consigliere Chiara Avanzo Euregio Regione Trentino Alto Adige Provincia autonoma di Trento