Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Situazione del Pronto Soccorso di Borgo Valsugana<< Torna indietro

INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA N. 936/XV

Dalla stampa locale apprendo in data odierna che la riorganizzazione della rete ospedaliera presentata dall’Assessora Borgonovo Re al suo partito di appartenenza e in giunta, prevede, tra gli altri, interventi di mantenimento del pronto soccorso di Borgo Valsugana. Nella fattispecie si parla di una maggiore integrazione con i servizi di emergenza territoriale e di continuità assistenziale, che ovviamente implicano anche un potenziamento delle risorse umane ora disponibili. Avendo raccolto numerose lamentele relative ai tempi di attesa già oggi eccessivamente lunghi con i carichi di lavoro attuali, la conseguente preoccupazione è quella di capire come si intenda procedere per fronteggiare la situazione. A questo proposito,

si interroga la Giunta Provinciale per conoscere

se è noto il quadro emergenziale che riguarda i dilatati tempi operativi del pronto soccorso di Borgo Valsugana, quali azioni di contrasto il governo provinciale intenda assumere e con quali tempistiche.

Il Consigliere provinciale
 -Chiara Avanzo-


Risposta in Aula nella seduta del 14 ottobre 2014 dell'Assessora alla salute e solidarietà sociale Donata Borgonovo Re.
 
Rispondo volentieri all’interrogazione della consigliera Avanzo, premettendo però che dalla direzione aziendale noi non abbiamo avuto una risposta in termini di consapevolezza e condivisione del problema che è stato sollevato con l’interrogazione, e cioè l’azienda non ha segnalazioni in merito ai – cito tra virgolette – “dilatati tempi operativi del pronto soccorso di Borgo Valsugana”. Le informazioni che ci vengono fornite sono le seguenti: nel periodo gennaio – settembre 2014 hanno avuto accesso al pronto soccorso dell’ospedale di Borgo 9.296 pazienti, ai quali sono stati assegnati i codici di triage nelle seguenti percentuali, 20% bianchi, quindi urgenze assolutamente lievi, 61% verdi, 17% gialli e 2% rossi, degli oltre 9.000 pazienti il 78% è stato rinviato a domicilio dopo le necessarie cure del caso.  
Per quanto riguarda l’attesa in pronto soccorso si evidenzia che oltre il 56% dei pazienti risulta essere stato visitato entro trenta minuti dall’accesso, percentuale che sale al 91% se si considerano anche i casi presi in carico entro due ore, rimane quindi quel 9% che evidentemente si posiziona al di sopra delle due ore. Si evidenzia che tali dati non si discostano significativamente dal dato medio provinciale, dove l’attesa media dall’ingresso alla visita nel pronto soccorso della rete è stata nello stesso periodo di trenta minuti per il 62% dei pazienti e di due ore per il 90%.  
Ricordo soltanto che all’interno del pronto soccorso di Borgo abbiamo la disponibilità di un responsabile, un coordinamento infermieristico, dieci infermieri a tempo pieno, un infermiere a tempo parziale, tre OSA a tempo pieno e uno a tempo parziale e due ausiliari specializzati a tempo pieno. I medici dell’unità operativa di medicina prestano la loro attività anche in pronto soccorso coprendo l’attività medica notturna e mezza giornata diurna, resta naturalmente, ma credo che sia inutile ricordarlo e ribadirlo, il fatto che il pronto soccorso copre h24 le necessità della popolazione.  
Grazie.  
 
Risposta in aula del Consigliere Chiara Avanzo.

Ringrazio l’Assesora per l’esauriente risposta e devo dire che è soddisfacente, diciamo che le cifre che ha dato sono anche confortanti e mi possono anche permettere di andare sul territorio eventualmente a spiegare alle persone che si sono rivolte a me con queste lamentele. Detto questo se ovviamente mi sono permessa di fare questa interrogazione è perché ovviamente la lamentela non era del singolo o di poche persone, ma un di un numero abbastanza consistente, quindi si tratterà un attimo di capire il giusto mezzo. Chiaramente sono soddisfatta della sua risposta e la ringrazio.  
 

Inserisci il tuo Commento

Per commentare sarà necessario inserire un indirizzo e-mail valido al quale sarà inviato un link automatico per la conferma del commento.

Non saranno pubblicati commenti non confermati dagli autori.

L’indirizzo e-mail fornito per la conferma non sarà in nessun modo utilizzato per altri scopi o reso pubblico.
* Nome ( o Nickname ):
Il campo nome è obligatorio
  * E-mail:
Il campo email è obligatorio

* Commento:
Il campo commento è obligatorio

Il simbolo * indica che il campo è obbligatorio
  
Consigliere Chiara Avanzo Euregio Regione Trentino Alto Adige Provincia autonoma di Trento