Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Credito alle imprese << Torna indietro

La grave crisi internazionale nella quale anche la nostra economia è pesantemente coinvolta, ha messo in primo piano la difficoltà crescente per le imprese (oltre che per le famiglie) di accedere al credito bancario.
Senza affrontare il problema in tutti i suoi complessi aspetti, va segnalato che la PAT sta mettendo in campo alcuni provvedimenti  e una quantità di risorse non marginali. Dal potenziamento della capacità dei consorzi fidi di dare garanzia agli operatori associati, al potenziamento degli strumenti di intervento finanziario in conto capitale (sottoscrizione di quote di capitale sociale delle imprese) e alla messa a disposizione delle banche locali di quote importanti di liquidità.Credito alle Imprese Fra queste iniziative merita una particolare attenzione la possibilità offerta alle imprese trentine, e non solo alle grandi società per azioni, di utilizzare lo strumento del prestito obbligazionario.


Da qualche mese è attivo l’ Euregio Minibond gestito da Pensplan Invest con la collaborazione, in veste di advisor, della Prader Bank (una banca privata con sede in BZ e filiale in TN). Si tratta di un anticipo dell’investimento rilevante di risorse messe in campo dalla Regione Trentino A. Adige per un miliardo di Euro (500 MIO da parte della PAT e 500 MIO da parte della Provincia di BZ) denominato Fondo Strategico Territoriale.
Il Minibond in questione consente alle imprese, gestite sotto forma societaria, di finanziarsi emettendo un prestito obbligazionario che può rappresentare un’ importante alternativa all’indebitamento bancario.
L’iniziativa è partita da poco e molte sono le imprese che già si sono “prenotate” per utilizzare il nuovo strumento finanziario.
Molte tuttavia sono le questioni, sollevate dalle Associazioni di categoria, e che devono essere affrontate; soprattutto per superare la difficoltà, per non dire l’impossibilità, di accesso allo strumento da parte delle piccole e medie imprese.
Il tema è aperto e deve essere seguito con attenzione.  

Inserisci il tuo Commento

Per commentare sarà necessario inserire un indirizzo e-mail valido al quale sarà inviato un link automatico per la conferma del commento.

Non saranno pubblicati commenti non confermati dagli autori.

L’indirizzo e-mail fornito per la conferma non sarà in nessun modo utilizzato per altri scopi o reso pubblico.
* Nome ( o Nickname ):
Il campo nome è obligatorio
  * E-mail:
Il campo email è obligatorio

* Commento:
Il campo commento è obligatorio

Il simbolo * indica che il campo è obbligatorio
  
Consigliere Chiara Avanzo Euregio Regione Trentino Alto Adige Provincia autonoma di Trento