Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Bonifica delle aree dismesse<< Torna indietro

Uno dei più importanti settori cha caratterizzeranno lo sviluppo economico del nostro territorio è, per unanime convinzione, quello del turismo. A questo si aggiunge, e con esso si integra, il settore dell’agricoltura di qualità.
Si va quindi delineando un’offerta territoriale che presuppone innanzitutto un’elevata qualità ambientale che vede in primo piano la salubrità degli elementi essenziali della vita sul territorio: l’aria, l’acqua, il terreno.
La Valsugana, nel suo complesso, può offrire, già da ora, un ambiente fondamentalmente sano assieme ad un territorio e ad un paesaggio poco compromesso. Ma, proprio per questo, vanno affrontati e risolti alcuni casi di preoccupante inquinamento.
Oltre agli aspetti problematici dell’attività delle acciaierie, ormai noti e per i quali si dovrà mantenere alta l’attenzione, si sono individuati alcuni siti inquinati la cui bonifica deve essere affrontata e superata con assoluta priorità.
A questi fini va segnalata l’opportunità offerta da alcuni procedimenti di bonifica di terreno inquinato, sperimentati e brevettati proprio da imprese operanti in Valsugana.

Inserisci il tuo Commento

Per commentare sarà necessario inserire un indirizzo e-mail valido al quale sarà inviato un link automatico per la conferma del commento.

Non saranno pubblicati commenti non confermati dagli autori.

L’indirizzo e-mail fornito per la conferma non sarà in nessun modo utilizzato per altri scopi o reso pubblico.
* Nome ( o Nickname ):
Il campo nome è obligatorio
  * E-mail:
Il campo email è obligatorio

* Commento:
Il campo commento è obligatorio

Il simbolo * indica che il campo è obbligatorio
  
Consigliere Chiara Avanzo Euregio Regione Trentino Alto Adige Provincia autonoma di Trento